Qui comincia l’avventura del Signor Bonaventura! Ogni tanto mi faccio accompagnare dalla delicata, cortese, bizzarria del personaggio nato dalla fantasia di Sto, il geniale Sergio Tofano. Bizzarro e sferzante Bonaventura. Il doppio, l’alter ego, l’io epico: storia antica, eppure così attuale, così vicina e noi,  talmente sbadati da non accorgerci che simili personaggi ci servono e, quando li scopriamo, comprendiamo che la vita può essere una scoperta appunto, una scoperta a colori, luminosa. Senza dimenticare la luce e il fascino che scaturiscono dalla grande bellezza del bianco e nero.

sergiotofanomaestrodironia

Lo vedo Sergio Tofano, classe 1886. Lo immagino camminare dinoccolato, sguardo stralunato, assorto nelle sue mille attività. Caricaturista, disegnatore, scrittore, poeta, drammaturgo, regista, attore. Ma attore irregolare, non certo inamidato, attore di scuola ma creativo, mille miglia lontano dalle voci enfatiche e sublimi. Lui ironizza, si diverte, rifacendo il verso al vecchio mattatore decadente, che si circonda di mediocri comprimari osannanti e genuflessi, per meglio proporre la sua (p)arte, magari mostrando grande estensione vocale, notevoli mezzi, ma talmente realistici, veri, da risultare ridicoli invece che drammatici. E però il drammatico, assai difficile da frequentare in una società dominata dalla borghesia plaudente, quella che affolla i teatri, diventa grottesco, surreale, nel ruolo del brillante che, non certo inconsapevolmente, si presenta al pubblico perplesso e distaccato.

sergiotofanomaestrodironia


Si esibisce quasi in un a parte, solitario con la sua arte eversiva, rivoluzionaria, capace di spodestare il protagonista e la sua corte. Attori che seguono la strada assai tracciata di una scena polverosa, fatta per comunicare niente di nuovo allo spettatore desideroso di esser rassicurato, saldo nelle sue solide abitudini borghesi, che il teatro in gran parte gli ripropone immutate. È il classico triangolo, marito, moglie, amante e tanta falsa coscienza propinata con piatto di portata, quasi fossero quelli – in realtà di cartapesta – i conflitti che attraversano teatro e società. Un mondo scenico messo in crisi da Pirandello e dal teatro grottesco che, agendo dall’interno dell’intreccio borghese, ne hanno rovesciato forma e morale. Anche grazie ad attori nuovi, brillanti, come Sergio Tofano.

sergiotofanomaestrodironia


Sul brillante Tofano ha già scritto la sua tesi di laurea, prima di abbeverarsi alla fonte di Vamba, Luigi Bertelli, nel giornale fiorentino che ospita Gian Burrasca, quel ragazzino capriccioso ma ansioso di verità che travolge bugie e piccole vigliaccherie del mondo degli adulti, abituati a barare, a far finta di niente, mentre accettano canoni e codici vecchi, ammuffiti, storie di corna e di futilità. E proprio su Giannino Stoppani, Gian Burrasca, Sergio Tofano, detto Sto, nel ‘43, dirige un film scritto da   Cesare Zavattini. Poi nel celebre sceneggiato del ‘64 – protagonista Rita Pavone, Lina Wertmüller regista – dirige, insieme a Bice Valori, il collegio in cui Giannino ne combinerà di tutti i colori, svelando sotterfugi e tante viltà.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Bice Valori e Sergio Tofano – presenta Lelio Luttazzi

Tofano, l’inventore del Signor Bonaventura, pupazzo in marsina e bombetta rossa, larghi pantaloni bianchi, un bassotto per amico, protagonista di strampalate avventure di gran successo – comincia povero e finisce milionario, – dalle vignette in versi sulle pagine del Corriere dei Piccoli alle commedie musicali scritte, messe in scena e dirette dallo stesso Sto. E tra gli interpreti di queste commedie c’era anche una giovanissima attrice, Monica Vitti, allieva del grande Sergio Tofano all’Accademia d’Arte Drammatica.

sergiotofanomaestrodironia
Sergio Tofano e Monica Vitti – Museo Biblioteca dell’Attore

Che vita! Che carriera, Mister Tofano! Che gran talento e genialità! Dal debutto come disegnatore – al fianco di illustri scrittori, poeti, premi Nobel – al grande teatro, al cinema, alla televisione. Un asso, un genio dalla carica corrosiva, irriverente. rivoluzionaria. Come Bonaventura, la sua creatura fantastica, talmente buona e cortese da non sembrare vera, imprendibile come un ideale, come le parole dei poeti che volteggiano nell’aria, quasi impossibili da afferrare, anche se obbligatorio per chi vuole sconfiggere la retorica dei luoghi comuni. Bonaventura non è un supereroe, non un protagonista, ma un uomo, anzi un burattino che si batte contro le ingiustizie. E come per incanto ripara torti, vince al culmine delle sue avventure impossibili. E conquista la ricompensa: un milione. Si dirà, son solo parole, fiabe, teatro a fumetti, ma ben applicandosi anche il più arduo ostacolo si supera. Si trova sempre un varco che attraversa la dura realtà quotidiana e fa avverare i sogni. Questo il senso di Bonaventura, personaggio grottesco e positivo, come il suo inventore.
Grazie, Signor Tofano! Grazie Maestro!

sergiotofanomaestrodironia
Museo Biblioteca dell’Attore

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Post Recenti

Post correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi