La resistenza di Giaime Pintor

Con Vittorini che conosce il mondo offeso fu facile parlare di quegli argomenti che un congresso della letteratura europea non può affrontare; della letteratura come onesta vocazione, e soprattutto dell’Europa: una cosa che ci pareva troppo grande e incerta e afflitta perché trecento signori riuniti a Weimar nell’ottobre del 1942 potessero parlare in suo nome.

Così Giaime Pintor Il mondo offeso. Scrittori a Weimar – Il Sangue d’Europa – Einaudi.
Germanista, traduttore di Rilke, Kleist, Hofmannsthal. Aveva curato per Bompiani la grande antologia del teatro tedesco. Nato a Roma il 30 ottobre del 1919, nei ricordi Cagliari con i suoi bastioni e la spiaggia quasi africana. Negli occhi un Continente senza frontiere.

ilsanguedeuropa


Sembra incredibile come un giovane appena 24enne, morto nel 1943, abbia divorato tanta cultura in un pugno d’anni. Un gigante. Fu ucciso da una mina tedesca mentre tentava di raggiungere Roma per combattere il nazifascismo.

Il sangue d’Europa. La lettera.


È qui il punto. L’intellettuale capace di abbandonare specializzazioni e presunzioni. Giaime lo spiega nell’ultima lettera al fratello Luigi:

…Una società moderna si basa su una grande varietà di specificazioni, ma può sussistere soltanto se conserva la possibilità di abolirle a un certo momento per sacrificare tutto a un’unica esigenza rivoluzionaria. È questo il senso morale, non tecnico, della mobilitazione: una gioventù che non si conserva disponibile, che si perde completamente nelle varie tecniche, è compromessa. A un certo momento gli intellettuali devono essere capaci di trasferire la loro esperienza sul terreno dell’utilità comune…

ilsanguedeuropa

La lettera – senza dubbio tra le testimonianze più alte della Guerra di Liberazione – è del 28 novembre 1943. La tragica fine di Giame, solo tre giorno dopo. E così a Luigi Pintor resta un’eredità bella e amara al tempo stesso. Un’eredità che lo accompagna per tutta una vita vissuta intensamente: la Resistenza a Roma con i GAP, imprigionato e torturato dalla banda koch, la condanna a morte e la libertà con l’arrivo degli Alleati, la lunga militanza politica a sinistra, l’intelligenza al servizio del giornalismo e dell’attività di scrittore.
Nelle pagine di Servabo ( Bollati Boringhieri) la memoria scava tra i ricordi e spesso lavora con disincanto, non incrinando però gli ideali trasmessi dalla lettera di Giaime Pintor.
Resta intatto Il sangue d’Europa.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Luigi Pintor – Servabo – Legge Pierpaolo Piludu


Il sangue d’Europa.
Un intellettuale per la libertà.

ilsangueduropa

Nel libro Giaime Pintor, una vita per la libertà, a cura di Aldo Brigaglia e Giuseppe Podda per le edizioni Tema, gli interventi tracciano una figura di intellettuale che – come sottolinea Umberto Cardia indica all’intelligenza dei giovani italiani la via di un rinnovamento integrale, nel cui ambito la cultura assolva alla sua funzione  liberatrice, e sia una grande forza al servizio della pace, della civiltà degli uomini.


Giaime ha solo
 20 anni quando, nel 1939, scoppia la guerra – scrive Aldo Brigaglia.  Ed è proprio il conflitto a far capire, a lui come ad altri giovani che insieme a lui hanno coltivato fino ad allora un generico antifascismo, che non si può più distinguere tra politica e cultura: che tutti e ciascuno sono chiamati a combattere per la libertà.

Il che significa – per Giuseppe Podda – assegnare alla politica e alla cultura due poteri precisi e allo stesso tempo una logica etica inscindibile. Occorre essere ben coscienti che politica e cultura sono impegno, non propaganda e futili parole al vento.

Dice Franco Rodano nel discorso di commemorazione, a Roma, il 1º dicembre del 1944, a un anno dalla morte di Giaime PintorAvere Gìaime come amico per tutti noi che l’abbiamo conosciuto intimamente è stato, lo sappiamo bene, un fatto prezioso. Credo sia la cosa più esatta definire preziosa l’amicizia di Giaime, poiché Giaime non era semplicemente un amico singolarmente buono, eccezionalmente vicino; non era semplicemente l’amico capace di seguire passo passo, di mantenere in modo intimo e profondo i legami anche nella lontananza, non era soltanto l’amico capace di seguire noi nel nostro percorso sia di studi che di vita, di seguirci nel nostro cammino quotidiano, nella nostra vita sentimentale e intima; Giaime non era solo questo, sebbene lo fosse in maniera eccezionale, ma era anche un amico che era a un tempo un maestro.

E Alfredo Reichlin lo ricorda nel libro Il midollo del leone ma anche in un convegno sulla Resistenza Romana dedicato a Valentino Gerratana. Per Reichlin, Giaime era il fratello maggiore, un grande amico alla Alain Fournier. Perciò non posso dimenticare quella sera, tristissima, dell’inverno 1943 quando Luigi, il fratello, mio compagno di scuola e di banco venne a dirmi che era giunta notizia della morte di Giaime, lacerato da una mina in un campo dell’Alto Volturno mentre tentava di passare le linee e unirsi ai partigiani. Fu allora che noi decidemmo di prendere le armi che erano cadute dalla sue mani. Entrammo nei Gap.

L’importante è che la morte ci trovi vivi, diceva Marcello Marchesi. Questo giovane di 24 anni è vivo. E lo è Il sangue d’Europa.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
25 aprile 2015 – Nel giorno della Liberazione, il Molise ricorda Giaime Pintor


Proprio in quest’anno di libertà sospese per l’emergenza salute – scrive Ezio Mauro su Republicaè stupefacente che qualcuno dall’abisso in cui siamo trovi la forza di mettere in discussione quella festa della libertà che è il 25 aprile, tra pochi giorni. Una libertà riconquistata all’Italia intera, insieme naturalmente con la dignità perduta con i vent’anni della dittatura fascista, con le leggi razziali firmate dalla monarchia, con la sciagura della guerra a fianco dei nazisti. È esattamente da quella data, e dalla lotta spontanea al nazifascismo della Resistenza che è rinato il concetto di Patria, unito alla rifondazione in democrazia dello Stato, con la nascita della Repubblica, delle sue istituzioni e della Costituzione.

Il sangue d’Europa.
La liberazione.

Ancora Ezio Mauro: Il nesso tra la Resistenza, il 25 aprile, la Repubblica costituzionale è il principio fondante della nostra democrazia, è il suo principio di legittimazione. Settantacinque anni dopo, la democrazia oggi compiuta nel nostro Paese offre a tutte le parti politiche quell’anniversario come il simbolo della liberazione di un popolo dalla tirannia e l’inizio di un’epoca di crescita e sviluppo nella libertà, pur negli errori, nei ritardi e nelle infedeltà che hanno attraversato la storia repubblicana.

Contestare il 25 aprile (e il canto dei partigiani che intanto è diventato universale come inno alla libertà) significa dunque negare la vicenda storica italiana, la capacità del Paese di superare le sue tragedie traendone una lezione, il cammino stesso del processo democratico per riprecipitare nel buio della vergogna fascista, con cui non si ha ancora il coraggio di fare i conti. La libertà del Paese appartiene a tutti, come dovrebbe capire chi la nega mentre la usa, mettendosi fuori dalla storia.

ilsanguedeuropa

E per stare dentro la storia, ecco la memoria del Sangue d’Europa, la figura di Giaime Pintor, l’intellettuale che è capace di scendere sul terreno dell’utilità comune per il suo Paese, per la democrazia, per la libertà.

Il sangue d’Europa.
Giaime e i giovani.

Così Luigi Pintor, in un colloquio con Alberto Rodriguez, pubblicato da Rinascita Sarda nel dicembre 1967, e nel 2006 proprio dal libro Giaime Pintor, una vita per libertà:

Le nuove generazioni, che da un lato tendono ad estraniarsi da un impegno partitico tradizionalmente o burocraticamente inteso, ma avvertono d’altro lato il rischio dell’integrazione o della disgregazione come il frutto dell’isolamento individuale o di gruppo, possono trovare qualcosa di precorritore nell’esperienza di Giaime Pintor.

Il nucleo più vitale e l’attualità di questa esperienza – precisa Luigi Pintor – stanno nel rifiuto dell’inerzia, di ogni vincolo istituzionale, di ogni posizione di rendita che si traducano in complicità con la decadenza o la barbarie sempre incombenti, e quindi nell’affermazione di una libertà da conquistare e verificare continuamente nel confronto con la realtà e in solidarietà con gli altri uomini.

ilsanguedeuropa
Valentino Gerratana, Enrico Marongiu, Giaime Pintor, Geno Pampaloni e Carlo Salinari al corso allievi ufficiali di Salerno, 1939 ( dal libro “Giaime Pintor, una vita per la libertà”).
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Post Recenti

Post correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi