vita e ricordi di Luis Sepulveda

Io non dimentico, la mia memoria è come la mia morale, indistruttibile.

La memoria è tutto, è il tormento di Luis Sepulveda. La memoria è la notte della dittatura, è Pinochet con la sua voce chioccia, è Allende amico e Presidente, è il sangue versato per difendere democrazia e libertà.

memoriediunrivoluzionario
Per il compagno Presidente


Sono memorie di un rivoluzionario, nella vita vissuta come un viaggio lento – senza il mito alienante della velocità -, negli scritti che rifiutano di essere militanti e nella militanza percorsa come un Che Guevara lungo le strade dell’America Latina.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Dal film “I diari della motocicletta”, il leggendario viaggio di Che Guevara.


E, nelle memorie di un rivoluzionario, brilla il 1967. Sguardo rivolto alla cultura, ai libri, ai nuovi linguaggi del teatro e del cinema che parlano della società, delle ingiustizie, del popolo che s’affaccia alla storia.

Memorie di un rivoluzionario.
Il teatro.

LuisLucho – ha diciott’anni, forse non ancora compiuti. A Santiago è studente della scuola di teatro. Con i compagni, affamati di vita e di cultura, gli viene un’idea piuttosto ardita, invitiamo il più grande, il maestro, chiamiamo Dario Fo. Missione impossibile? No. L’autore di Mistero Buffo,  l’italiano famoso in tutto il mondo, accetta l’invito, si ferma per una settimana con i giovani cileni. 
Dario Fo insegna tutto il suo repertorio, il suo teatro in rivolta, la sua satira graffiante, la sua lingua che si frantuma in grammelot, il popolo che soffre ma non rinuncia a schiaffeggiare il potere, le sue memorie di un rivoluzionario.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Dario Fo – Guerra di popolo in Cile

Teatro scuola di vita nel Cile delle tensioni e delle passioni, il Cile che di lì a tre anni avrebbe sancito – con libere elezioni democratiche – la nascita del governo di Unidad Popular.

Memorie di un rivoluzionario.
Il cinema.

Ma anche il cinema entra nella grammatica della ribellione, nelle memorie di un rivoluzionario. È del 1972, un anno prima del Golpe di Pinochet, L’Amerikano, il film di Costa-Gavras sui Tupamaros. Racconta la guerriglia  in Uruguay, ma il set è nel Cile di Salvador Allende, perché solo nella Santiago laboratorio della nuova via al socialismo si potevano raccontare le trame oscure dei servizi segreti USA.
E durante le riprese sembra non esserci confine tra finzione e realtà. L’amerikano è Yves Montand, Ivo Livi, figlio di antifascisti toscani emigrati in Francia nel ‘23. Lo sceneggiatore è Franco Solinas, nato a Cagliari con radici a La Maddalena, maestro del racconto per immagini, già critico cinematografico a L’Unità e Paese Sera. Le musiche sono di Mikis Theodorakis, il grande compositore perseguitato nella Grecia dei colonnelli.
E a proposito di  colonnelli, forse il più famoso film di Costa-Gavras è Z – L’orgia del potere, Oscar per la migliore opera straniera nel 1969. Ma è del 1981 Missing, con Jack Lemmon e Sissy Spacek, che racconta della sparizione e uccisione di un giornalista statunitense nel Cile di Pinochet. Missing vinse l’Oscar per la sceneggiatura non originale e la Palma d’oro a Cannes,

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
L’Amerikano – Costa-Gavras

Memorie di un rivoluzionario.
Vivere pericolosamente.

Tra cultura e politica nasce il sogno, si scrivono le memorie di un rivoluzionario, svettano gli ideali della generazione di Luis Sepulveda, per una società in cui l’uomo sia d’aiuto all’uomo. Erano anni in cui impegno voleva dire vivere pericolosamente, rischiare la pelle per la libertà, per un mondo migliore. Lucho era entrato a far parte della scorta di Allende. E aveva assistito da vicino alla fine del compagno Presidente. Mentre moriva in un letto d’ospedale Pablo Neruda, il cantore del Cile che tanto aveva fatto per la vittoria di Unidad Popular. E su questa morte misteriosa ci sono oggi documenti che rivelano la pista dell’omicidio. Neruda era un pericolo per la dittatura di Pinochet. Così come lo era Il musicista e poeta Victor Jara, ucciso barbaramente.
Il sangue e il dramma degli esuli. Gli Inti Illimani trovarono rifugio in Italia, mantenendo un rapporto privilegiato con la Sardegna

Ricordo, a Cagliari, a Verona, a Firenze e in tutta Italia, i loro concerti e il calore che li accompagnava.

mmoriediunrivoluzionario
Firenze, Piazza della Signoria, 1975.
Gli Inti Illimani al Festival Nazionale dell’Unità.


Memorie di un rivoluzionario.
L’impegno, i romanzi.

Tutti eravamo coscienti che la tragedia del Cile doveva essere di lezione per la crescita della democrazia in Europa. Ne era consapevole Enrico Berlinguer, quando elaborò la strategia del compromesso storico. 

Luis Sepulveda, imprigionato e torturato, sulla via dell’esilio acciuffava l’estro, il talento di una vita. Girava il mondo e scriveva, inventava la sua dimensione meravigliosa, che rimanda a certe creature fantastiche di Borges e si apre ai viaggi negli spazi incantati della Patagonia e nelle città del mondo, agli incontri, ai personaggi, ai sogni. Senza rinunciare alle battaglie per la salute del Pianeta, per i diritti dei più deboli, per il suo Cile sofferente.

memoriediunrivouzionario

Un poeta-guerriero Lucho che nelle memorie di un rivoluzionario avrebbe potuto scrivere – come Neruda –  Confesso che ho vissuto.

.Due volte si è sposato com la poetessa Carmen Yanez.

Erano insieme quel giorno di fine febbraio. Rientravano da un festival letterario in Portogallo, quando Lucho si è sentito male. Positivo al Covid-19, prima grave, poi la speranza, con Carmen che l’aspettava a casa. E invece, dopo un mese e mezzo di resistenza al virus, si è spento nell’ospedale di Oviedo. 

memoriediunrivoluzionario
Lucho e Carmen

Così lo ricorda l’amico Gianni Minà su Facebook:”Ho voluto bene all’uomo, ma non posso fare a meno di piangere l’intellettuale che aveva partecipato alle lotte per il riscatto dell’America Latina con il coraggio e la forza che hanno solo i visionari, i romantici, i pazzi.”
E ancora:”Mi sento più solo, ma ho l’ingenua certezza che adesso lui è ritornato a fare la guardia del corpo al suo amato Presidente Allende.”

Memorie di un rivoluzionario.
L’amore, il viaggio.

Così Carmen:”Avevo 15 anni, lui 18. Scriveva poesie, faceva teatro. Lo portò a casa mio fratello, che era pittore e suo amico. Un anno dopo ci fidanzammo. I miei genitori erano contrari: Un poeta? Lascia perdere. Un tipo così non ha futuro”.
Ma il futuro lo hanno avuto, incontrandosi e di nuovo incontrandosi, nel cammino della vita. 

Luis Sepulveda stava scrivendo un nuovo romanzo

Agua mala – ecologista, contro i sovranismi.
“Buona notte, amore mio”, ha detto alla sua Carmen, prima di perdere coscienza.
Appena possibile Lucho sarà cremato e poi il viaggio. Le memorie di un rivoluzionario si apriranno agli spazi della sua amata Patagonia.

memoriediunrivoluzionario
Lucho e Carmen, occhi all’orizzonte
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lascia un commento

Post Recenti

Post correlati

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi